vuoto

Carnevale in Sardegna

Il 17 gennaio, con l’accensione dei fuochi dedicati a Sant’Antonio, ha inizio in tutta la Sardegna il Carnevale che si conclude tradizionalmente il mercoledì delle ceneri. 

Dal re-regina di Tempio Pausania al fantoccio delle zone del Nord e del Sud Sardegna, dalle esibizioni equestri dell’oristanese alle maschere lugubri del Carrasecare della Barbagia, il carnevale spezza la  routine di ogni giorno e risveglia il "villaggio" festeggiando con fave e lardo, zeppole e vino il rigore dell’inverno che sta finendo mentre la terra ritorna lentamente alla vita.

Mamoiada si anima con i Mamuthones che, vestiti di pelle di animale e viso coperto per nascondere la loro identità, compiono una danza cadenzata dai campanacci caricati sulle spalle. Gli altri protagonisti sono gli Issohadores che indossano un corpetto rosso al rovescio e creano scompiglio tra gli spettatori utilizzando la loro soha, una fune di giunco, per catturarli.

A Orotelli ci sono Sos Thurpos, i ciechi, che indossano cappotti di orbace nero con cappuccio a punta e i volti completamente ricoperti di fuliggine. Interpretano la vita contadina e il rapporto tra uomo e animale, padrone e servi.

La figura de S’Urzu, le cui origini letterarie sono riconducibili alle parole “orco” o “orso”,  è il personaggio caratteristico di Samugheo, Fonni e Ula Tirso. S’Urzu indossa una maschera che rappresenta la testa di caprone con lunghe corna, una pelle di caprone e un fazzoletto nero da donna per coprire il capo. Su Omadore lo cattura e i Mamutzones lo uccidono.

Il Karrasegare Osinku di Bosa è uno dei carnevali più divertenti della Sardegna. Il martedì grasso è un giorno speciale. Al mattino si celebra “S’Attiddu”: le maschere femminili, per lo più indossate da uomini con il volto sporco di fuliggine, girano per le vie emettendo un lamento in falsetto. Alla sera le maschere in abito bianco e con un lanternino cercano “Giolzi”, Re Giorgio, il vero simbolo del carnevale. 

La Sartiglia a Oristano propone la "Corsa alla Stella": i cavalieri guidati da "Su Componidori", il capo corsa, discendono in velocità e al galoppo la Via del Duomo, esibendosi in un'emozionante giostra equestre.

Su Componidori, né femmina né maschio, vestito dalle massaieddas, è il supremo giudice che decide la sorte dei cavalieri, partecipando con loro alla corsa per infilare la stella con la spada e su stoccu, auspicio di buon raccolto. 

Se vuoi sapere di più sui Carnevali della Sardegna, clicca i seguenti link:

Sardegna Eventi - Date e programmi del Carnevale 

Sardegna Tradizioni - Maschere e tradizioni di ogni paese

Carnevale: antichi rituali

Metti in tavola il Carnevale

 

 

Nelle vicinanze

monumenti
Descrizione Scavi archeologici, effettuati all'interno...
Ottana, Chiesa di San Nicola
paesi
Ottana sorge nella pianura della valle del fiume Tirso,...
Lodine, Chiesa di San Giorgio Martire
paesi
In prossimità del lago artificiale di Gusana sorge Lodine...
Ortueri, Chiesa di San Nicola
paesi
Ortueri è un borgo di origine medievale ma conserva ancora...
musei
Il Museo S'Omo 'e sa Majarza ("La casa della strega"),...
musei
Il museo è dedicato al noto artista oranese Costantino...
Orani, Opera di Nivola
paesi
Orani è situata nel cuore della Barbagia, attorniata da...
montagne
Protagonista nella prosa di Grazia Deledda, nella poesia di...
foreste
La foresta di Uatzo si trova nel territorio di Tonara,...